Carenza di ferro: cosa mangiare, cosa evitare e come curarsi

Carenza di ferro: cosa mangiare, cosa evitare e come curarsi



cosa mangiare con l'anemia

La persona che scrive su queste pagine è notoriamente conosciuta per essere affetta da una importante carenza di ferro. La persona in questione, in poche parole, vive in simbiosi con le sue occhiaie e talvolta anche con il suo divano ma proprio quando le forze mancano del tutto. La stessa persona si accorge quando i livelli di ferro si sono abbassati ancora perché la notte non dorme più pur avendo un sonno della miseria oppure perché, se per caso urta leggermente qualcosa, le si formano dei lividi che nemmeno se avesse urtato un camion frontalmente si potrebbero formare. La stessa persona, dunque, cerca di mettere a disposizione la sua trentennale esperienza in materia dandovi qualche informazione sulla carenza di ferro, su come accorgersene e soprattutto cosa mangiare, cosa evitare e come curarsi.

Partiamo dalle basi: il ferro è necessario al nostro organismo perché aiuta il trasporto di ossigeno e quindi capite che se c’è carenza di ferro vuol dire che ci sono pochi globuli rossi nel sangue: se vi sembra una cosa cattiva siate sereni perché raramente la mancanza di globuli rossi nel sangue è sintomo di una brutta malattia!

Come si manifesta l’anemia?

L’anemia o carenza di ferro si manifesta attraverso sintomi che variano da persona a persona: sono comuni la stanchezza, il pallore con tanto di occhiaie, le unghie fragili, i giramenti di testa, un respiro affannoso con battito cardiaco accelerato nei casi più gravi. Nei casi ancora più gravi la mancanza di ferro può portare problemi a tutto il sistema immunitario ma chiaramente si tratta di sintomi che compaiono solo se si sottovaluta il problema oppure se non si interviene tempestivamente.

Perché si diventa anemici?

Si può diventare anemici da un momento all’altro, per predisposizione genetica o per via di altre malattie. Nel primo caso di solito è la dieta carente di ferro a provocare anemia, nel secondo fattori genetici incontrollabili e nel terzo caso possono essere diverse le cause, da malattie autoimmuni ad infezioni passando per gravidanze o anche semplicemente un ciclo mestruale abbondante. Insomma, se leggete questo elenco sembra proprio che le cause siano molteplici. Nel mio caso è una combinazione degli ultimi due fattori ma in special modo predisposizione genetica.

Come viene diagnosticata la carenza di ferro?

Basta un prelievo per monitorare l’emoglobina nel sangue secondo dei valori che sono standard che per le donne deve essere maggiore di 12 grammi e per gli uomini maggiore di 13. A questi valori vanno sommati quelli di sideremia ovvero quanto ferro circola nel corpo (dai 53 ai 167 microgrammi per decilitro di sangue negli uomini, dai 49-151 microgrammi per decilitro di sangue nelle donne). Spesso basta leggere i valori dell’emoglobina per rendersi conto se si è carenti.

Come si cura la carenza di ferro

La dieta è l’alleato principale, come sempre e questi sono gli alimenti da assumere:
– carne magra, rossa o bianca (lo sapevate che anche il pollo contiene ferro? Non come la carne rossa ma insomma ne contiene e calcolando che mangiare carne rossa più di una volta a settimana non è consigliato direi di pensare seriamente alle alternative!)
– legumi
pesce azzurro
– patate
– cacao amaro
– fegato.

Vanno invece evitati perché inibiscono l’assorbimento di ferro:
– latticini
– caffè e tè (e qua mi dissocio ma devo segnalarvelo per obbligo di completezza!)
– uova
– cioccolato (nel mio caso vedi alla voce caffè e tè)
– vino rosso (si veda sopra)
– spinaci
– pomodoro.

E se la dieta non funziona?

Se come nel mio caso la dieta non funziona allora fate ciao con la mano agli integratori di ferro che sono una manna dal cielo ma appesantiscono come nessun’altra cosa al mondo. Il più famoso in assoluto è Ferrograd, se ne prende una compressa al giorno oppure a giorni alterni perché spesso gli effetti collaterali sono davvero fastidiosi. Se non volete ricorrere alla medicina tradizionale esiste un metodo naturale (rabbrividisco anche solo a parlarne ma ho le prove che funziona): la mela chiodata ovvero prendere una mela, inserite dei chiodi di ferro al suo interno e non la toccate per 24 ore. Quindi estraete i chiodi e mangiate la mela. Pare funzionino anche il tarassaco, l’ortica, la barbabietola e l’aneto da assumere in compresse o in infusione.

E se ancora non passa nonostante la dieta e le medicine?

Beh, direi che è arrivata l’ora di andare da un altro medico e ripartire da zero per vedere se c’è qualcosa che non va oppure se è solo stress!

[Questo post non sostituisce il parere di un medico ed è frutto di esperienza personale e ricerca in Rete]


Commenti

Attivando i commenti accetti la privacy policy di Disqus.

© 2010-2017 La Cuochina Sopraffina è un marchio registrato di Veruska Anconitano - Tutti i diritti riservati - Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i diritti su testi, fotografie e codice presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono copyright della proprietaria di questo sito e quindi tutti i diritti sono riservati. Non è autorizzata la pubblicazione dei testi e delle foto che non consentano il link al contenuto originale. Ogni violazione alla presente potrà essere perseguita legalmente. - Contattami - Privacy - Grafica, programmazione e marketing by Pixael.com

English version