Insalata di riso, trucchi e consigli per prepararla

Insalata di riso, trucchi e consigli per prepararla



insalata di riso consigli

Mare profumo di mare, fresco voglia di fresco, leggerezza voglia di leggerezza: questi i tre mantra dell’estate. E così un’insalata di riso risolve sempre il problema quando non si ha voglia di smanettare in cucina, di accaldarsi davanti ai fornelli, di mangiare cibi pesanti. Posto che ognuno prepara l’insalata di riso come meglio crede quanto a farcitura e condimento, esistono dei trucchi e dei segreti che rendono questo piatto migliore

Si tratta di qualche regoletta di base che va seguita, o andrebbe seguita, per evitare di ritrovarsi con del riso che sembra colla e che potrebbe essere utilizzato più per degli onigiri che per una bella insalatona 😀

1. Scegliere un riso che tenga bene la cottura e che sia a grani fini. La varietà parboiled, ovvero cotta al vapore e giallognola, è la migliore perchè il riso non scuoce una volta cotto;

2. Cuocere il riso in acqua salata e al dente, scolarlo qualche minuto prima rispetto ai tempi di cottura indicati sulla confezione e NON PASSARLO SOTTO L’ACQUA FREDDA per evitare che perda sapore. Viceversa, una volta scolato e tolta l’acqua in eccesso adagiatelo su un panno di cotone e fatelo raffreddare oppure mettetelo “a bagnomaria” in una ciotola in plastica all’interno del lavandino con acqua fredda;

3. Utilizzare ingredienti freschi e non i condimenti pronti (non me ne vogliano i produttori 😀 ) perchè, nonostante questi siano più comodi e pratici, spesso utilizzano olio di scarsa qualità e prodotti poco saporiti. Meglio spendere qualche minuto in più a sbucciare verdure e altro piuttosto che cedere alla tentazione del subito pronto;

4. Condire il riso solo quando è freddo mescolando tutti gli ingredienti in una ciotola in modo che si amalghimino per bene e poi versandoli direttamente nella ciotola grande con il riso girando dal basso verso l’alto e con una certa grazia per evitare che si formi un ammasso informe di cibo 😀 ;

5. Non usare la maionese per legare i vari ingredienti ma portare in tavola l’insalata di riso a temperatura ambiente e permettere a chiunque di versare la sua maionese direttamente nel piatto. In questo modo se avanza, l’insalata può essere messa in frigorifero e dura per qualche giorno mentre se condita con maionese si perde subito e va buttata;

6. Non esiste una sola insalata di riso ma ne esistono tante e il segreto è non esagerare con gli ingredienti e scegliere sapori “vicini”. Per esempio, evitate pesce e carne insieme (tonno e wurstel per esempio) perchè appesantiscono e scegliete sempre verdure fresche di stagione, magari grigliate. Insalata e formaggio andrebbero aggiunti alla fine così da evitare spiacevoli problemi di muffa o odori sgradevoli.

Detto questo, buona insalata di riso a tutti 😀


Commenti

Attivando i commenti accetti la privacy policy di Disqus.

© 2010-2017 La Cuochina Sopraffina è un marchio registrato di Veruska Anconitano - Tutti i diritti riservati - Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i diritti su testi, fotografie e codice presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono copyright della proprietaria di questo sito e quindi tutti i diritti sono riservati. Non è autorizzata la pubblicazione dei testi e delle foto che non consentano il link al contenuto originale. Ogni violazione alla presente potrà essere perseguita legalmente. - Contattami - Privacy - Grafica, programmazione e marketing by Pixael.com

English version