Pasta madre senza glutine

Pasta madre senza glutine per i celiaci e gli intolleranti



pasta madre senza glutine

Io e la pasta madre continuiamo ad avere un pessimo rapporto, figuratevi che vuol dire questo quando parliamo di lievito madre senza glutine: una specie di incubo che però, se vi sapete giocare bene le vostre carte, funziona e aiuta parecchio nella preparazione di lievitati di vario tipo.

La pasta madre classica non è infatti utilizzabile per preparare ricette senza glutine e per questo motivo è necessario prepararne una apposita che utilizzi le simpaticissime farine naturali senza glutine; il procedimento per la preparazione e il mantenimento è lo stesso della pasta madre classica ma se iniziate a tirare giù tutti i santi del calendario o a credere di impazzire da un momento all’altro sappiate che è una reazione normale e comune ma che, soprattutto (e senza falsi moralismi), non svanisce nel giro di poco.

Per un vasetto di pasta madre senza glutine
100 grammi di farina di mais
100 ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di miele

Come si fa
1. Sciogliere il miele dentro l’acqua tiepida quindi aggiungere la farina setacciata e mescolare con un cucchiaio fin quando il composto non risulta omogeneo.
2. Mettere in una ciotola di vetro o alluminio, coprire con un panno leggermente umido e mettere a riposare per almeno 38 ore.
3. Trascorso questo periodo rinfrescare la pasta madre dopo aver eliminato il primo strato superficiale che si sarà seccato. Per rinfrescarlo aggiungere stessa quantità di farina e di acqua usate all’inizio (SENZA miele) quindi seguire il procedimento precedente e mettere a riposare per altre 36 ore.
4. Trascorso le 36 ore rinfrescare la pasta per la terza volta e lasciar riposare ancora per altre 34 ore.
5. Togliere lo strato superficiale della pasta, trasferirla in un contenitore di vetro a chiusura ermetica e mettere in frigorifero rinfrescando allo stesso modo una volta alla settimana.

Tempo di preparazione: 4 giorni

Consigli sparsi
1. Non usate contenitori in plastica perché alterano l’efficacia del lievito senza glutine.
2. Non lasciate la pasta madre senza lievito al sole o in luoghi esposti al sole altrimenti si secca.
3. Se volete provare a mescolare due farine diverse sia per i rinfreschi che per iniziare io vi consiglio mais e riso.
4. Non usate le farine dietoterapeutiche ma solo quelle naturali altrimenti il risultato, e il sapore, sono troppo artificiali.
5. Non preoccupatevi se il lievito senza glutine non aumenta di volume producendo le bolle perché la sua attività dipende da tanti fattori che ne condizionano l’aspetto e, in alcuni casi, anche l’efficacia.

IN BOCCA AL LUPO! 😀


Commenti

Attivando i commenti accetti la privacy policy di Disqus.

© 2010-2017 La Cuochina Sopraffina è un marchio registrato di Veruska Anconitano - Tutti i diritti riservati - Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i diritti su testi, fotografie e codice presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono copyright della proprietaria di questo sito e quindi tutti i diritti sono riservati. Non è autorizzata la pubblicazione dei testi e delle foto che non consentano il link al contenuto originale. Ogni violazione alla presente potrà essere perseguita legalmente. - Contattami - Privacy - Grafica, programmazione e marketing by Pixael.com

English version