Zafferano: proprietà, benefici e curiosità sulla spezia rossa

zafferano

Lo zafferano è una delle spezie che in Italia utilizziamo di più ed è anche una delle spezie che conosciamo di meno, abituati come siamo ad usarla e a darla per scontata. Nonostante si trovi in abbondanza in Medio Oriente e in Spagna, In Italia si coltiva in abbondanza in Umbria, Marche, Sardegna e Abruzzo.

Scopriamo di più sullo zafferano, sulle sue caratteristiche, le proprietà e anche i benefici che lo rendono così amato.

Zafferano: proprietà e caratteristiche

Lo zafferano, caratterizzato dal colore giallo da cui deriva anche il nome (safranum in latino vuol dire infatti giallo), si utilizza in cucina non solo per insaporire ma anche per dare colore. Anche se non lo sai, contiene interessanti elementi che lo rendono adatto in cucina e per la nostra salute:

  • Vitamina B1
  • Vitamina B2
  • Viutamina B3
  • Vitamina B6
  • Safranale
  • Carotenoidi

Contiene inoltre calcio, fosforo, sodio, potassio, ferro, magnesio e manganese, rame, zinco e selenio senza dimenticare la crocina che ne determina il colore.

E’ una spezia che non contiene calorie e che è composta per circa il 12 % da acqua, per il 3,9 % da fibre, per il 5,8% da grassi al 5,8% e per ll’11% da proteine.

pianta zafferano

Zafferano: benefici e consigli per l’uso

Grazie alla presenza delle vitamine e dei principi attivi, lo zafferano ha delle proprietà terapeutiche interessanti che agiscono sul fisico ma anche e soprattutto sulla mente. Lo zafferano è infatti considerato:

  • Antidepressivo grazie alla presenza di safranale e crocina che aiutano ad incrementare serotonina e dopamina, responsabili del buonumore;
  • Antistress per gli stessi motivi di cui sopra;
  • Coadiuvante della memoria;
  • Digestivo grazie ai suoi pigmenti che velocizzano la secrezione di succhi gastrici;
  • Coadiuvante nell’accelerazione del metabolismo grazie alla presenza di vitamine del gruppo B;
  • Anti-irritante per bocca e denti;
  • Antinfiammatorio grazie alla presenza di curcumina che agisce come agirebbe il cortisone;
  • Coadiuvante nella cura contro l’acne se applicato localmente;
  • Afrodisiaco perché aumentando i livelli di serotonina aumenta il benessere.

Zafferano: controindicazioni

Assunto in dosi eccessive lo zafferano può causare vertigini e anche emorragie. Da sempre lo zafferano è sconsigliato per le donne in stato di gravidanza in quanto è in grado di causare aborto (e nel passato veniva usato per causare aborto naturale).

Perché lo zafferano costa così tanto?

Domanda che spesso ci facciamo e che ha una semplice risposta: perché per ottenere 1 Kg di zafferano sono necessari ben 150.000 fiori i quali vengono raccolti e lavorati solo ed esclusivamente a mano per preservare tutte le caratteristiche di questa spezia. Si impiegano fino a 500 ore di lavoro per produrre 1 Kg di zafferano!

Quale zafferano scegliere?

In primis, sarebbe sempre bene scegliere lo zafferano in pistilli che è puro e dunque migliore evitando la polvere. Inoltre sarebbe sempre bene scegliere zafferano bio o controllato che, anche se più costoso, è anche garantito e non presenta nessun rischio. Inutile dire che scegliere zafferano italiano è un modo per aiutare la nostra economia e sostenere la produzione locale.


Come conservare i pistilli di zafferano?

Se non vengono utilizzati, i pistilli devono essere conservati in un barattolo di vetro a chiusura ermetica e riposti in un luogo asciutto e lontani sia da fonti di calori che da fonti di umidità in modo da non perdere nessuna delle loro proprietà.