Castagnole senza glutine, the ultimate ricetta

castagnole senza glutine

Che mondo sarebbe senza castagnole a febbraio? Un mondo triste e senza senso, una specie di buco nero dal quale non si potrebbe uscire: ‘na schifezza in poche parole. E’ che castagnole e frappe SONO il mese di febbraio e senza, davvero, manca qualcosa, almeno a me. Così per rimediare all’impossibilità di mangiare le classiche, quelle della mamma, ho ripiegato sulle castagnole gluten free. Con ottimi e replicabilissimi risultati come successo con le frappe senza glutine.

Mi rendo perfettamente che ci sono blogger che di gluten free scrivono da sempre e che convivono da sempre/spesso con questo modo di mangiare ma per me è ancora tutto nuovo e sperimentare con successo mi rende felice soprattutto quando arrivo al punto di pensare che non potrò mai mangiare quella cosa che mi piace tanto e allora pur di non privarmene mi ingegno.

Veniamo però alle castagnole: sono semplici, sono veloci e sono più leggere delle classiche. Sono anche meno dolci perchè la propozione tra farina e zucchero è in realtà una spropozione dal momento che siccome la farina di riso è leggermente più dolciastra di quella normale e anche il mix apposito è più dolciastro è per forza di cosa necessario ridurre di parecchio la quantità di zucchero altrimenti le castagnole stomacano.

Al posto della classica sambuca ho usato il limoncello perché ha un sapore meno dolce (ho usato quello fatto in casa) e quindi non stucchevole, adattissimo se si lavora con la farina di riso.

Cosa serve per una ciotola media
275 grammi di farina di riso (o mix per dolci)
1 uovo
1 bicchiere di latte
100 grammi di zucchero
1 bustina di lievito (come da prontuario)
un pizzico di sale
una punta di estratto di vaniglia
1/2 bicchierino di limoncello
Zucchero a velo/semolato
1 litro di olio di semi (io ho usato girasoli)

Come si fa
1. Sbattere con una frusta lo zucchero, l’uovo e la vaniglia quindi aggiungere lentamente metà farina di riso e continuare a sbattere.
2. Aggiungere il latte e il pizzico di sale e sbattere fino a quando il composto non diventa abbastanza liquido.
3. Aggiungere il limoncello, il lievito  e la farina restante e sbattere tutto con lo sbattitore elettrico. Se il composto è troppo liquido aggiungere farina di riso all’occorrenza SENZA aggiungere altro.
4. Far scaldare l’olio di semi e quando è bollente prendere un cucchiaino di impasto alla volta e calarlo nella pentola usando il dito. Calcolare un paio di minuti di cottura da quando le castagnole iniziano a venire a galla o comunque toglierle dall’olio quando iniziano a dorarsi.
5. Scolarle, adagiarle su della carta assorbente quindi metterle in una ciotola e cospargerle di zucchero semolato o a velo. Ripetere i punti 4 e 5 fino a quando l’impasto è completamente finito.

Tempo di preparazione: 30 minuti

Risultato: sono come le originali con la differenza che si gonfiano un pochino di più e sono più friabili. Le mie in alcuni casi sembravano dei polletti o dei maialini per quanto si sono gonfiate! 😀

Variante: il limoncello è sostituibile con del rum e si può aggiungere un po’ di buccia grattata di limone per un sapore ancora più intenso.

Consiglio: sono fragranti e croccantine all’inizio e restano così fin quando sono abbastanza tiepide. Poi pian piano freddandosi iniziano ad indurirsi se sono a contatto con l’aria per cui il mio consiglio è di farle raffreddare e poi metterle in un contenitore di plastica con chiusura ermetica e se possibile forellino per far passare l’aria in modo da aerearle una tantum oppure in una ciotola coperta con della carta in alluminio.

[Foto di Giuseppe]