La ricetta della crema pasticcera classica fatta a casa

Crema pasticcera ricetta

La crema pasticcera è probabilmente la crema che in Italia utilizziamo maggiormente quando prepariamo un dolce: non è semplice da fare ma, una volta imparato il procedimento di base, diventa quasi automatico prepararla. Non si usa solo per farcire i dolci ma può essere servita anche come dolce al cucchiaio, aggiungendo della frutta fresca e volendo anche del cioccolato a pezzi. Può essere preparata usando diversi aromi ma la classica è a base di limone o di vaniglia. Gli inglesi la chiamano custard cream e usano anche la panna per prepararla, rendendola più pesante della classica che invece richiede solo del latte.

Partiamo dalle basi con la ricetta classica della crema pasticcera facile da fare a casa ma continua a leggere perché sotto

ti spiego come evitare che la tua crema sia da buttare e quali sono gli errori che non devi commettere!

Crema pasticcera fatta in casa: ingredienti per una ciotola media

4 tuorli medi
40 grammi di farina
100 grammi di zucchero
400 ml di latte
1 stecca di vaniglia

Crema pasticcera fatta in casa: ricetta

  1. Bollire il latte con la stecca di vaniglia ee nel frattempo in una ciotola di vetro montare i tuorli con lo zucchero in modo da ottenere una crema grumosa.
  2. Aggiungere la farina mescolando di continuo quindi dopo aver tolto la vaniglia e la scorza del limone sempre mescolando versare il latte a filo facendo attenzione ad evitare che i depositi di tuorlo, zucchero e farina non restino sul fondo della ciotola.
  3. Trasferire tutto in un pentolino con il fondo alto e cuocere a fuoco lento, mescolando di continuo, fin quando la crema non diventa densa.
  4. Spostare la crema pasticcera in una ciotola di vetro, farla raffreddare coprendola con della pellicola in modo che non si ossidi e non si formi la pellicina in superficie. E’ possibile usarla subito oppure riporla in frigorifero.

Tempo di preparazione: 20 minuti

Crema pasticcera facile fatta in casa

 

Quali sono gli errori più comuni che si commettono quando si prepara la crema pasticcera? E come possiamo evitarli?

Errore nell’ordine degli ingredienti

Non pensiamo spesso che variando l’ordine degli ingredienti il risultato può cambiare ma niente come la crema pasticcera, insieme alla besciamella, è soggetto a questo problema: variando l’ordine degli ingredienti che mescoliamo non permettiamo ai legami chimici di formarsi ed è per questo motivo che, spesso, le creme restano grumose e spesso si seccano;

Errore nello sbattere tuorli e zucchero

Tuorli e zucchero per amalgamarsi vanno sbattuti, a mano o con un robot, velocemente: in questo modo i cristalli dello zucchero si rompono e, a contatto con il tuorlo, formano il mix che sarà poi la base della crema.

Non dividere correttamente tuorli e albumi

Anche se sembra una banalità, dividere perfettamente il tuorlo dall’albume e non lasciare tracce di albumi nel tuorlo è fondamentale per la buona riuscita della crema pasticcera, che sia classica alla vaniglia o al limone. L’albume tende infatti a rendere troppo liquido il tuorlo e dunque non permette che lo stesso si amalghimi per bene.

Scaldare troppo il composto

Se si la crema viene scaldata troppo, si rischia di formare una frittata o qualcosa di simile ad una frittata: bisogna fare in modo che il composto sia caldo ma che non sia bollente anche perché a temperature elevate le particelle di acqua rilasciate in cottura esplodono e la crema pasticcera “impazzirà”, proprio come accade alla maionese.

Come faccio a recuperare una crema pasticcera impazzita?

Prima di buttare tutto, puoi provare a recuperare la tua crema se è impazzita frullandola con un robot ad immersione: la consistenza sicuramente migliorerà ma dovrai verificare che il sapore sia giusto, che non si sentano troppo le uova o che viceversa la crema non sia troppo acquosa.  non si senta troppo il sapore dell’acqua. Nel caso in cui il sapore sia compromesso, non resta altro da fare che ricominciare da zero.

Come conservo la crema pasticcera?

La crema pasticcera va conservata per massimo 48 ore, coperta da una pellicola trasparente in modo che non si ossidi e può essere congelata: devi però ricordarti di scongelarla in frigorifero in modo che non rilasci troppa acqua.

E se non voglio preparare la crema pasticcera con il latte, cosa posso usare?

Puoi preparare una crema pasticcera a base di latte vegetale preferendo il riso e la mandorla che sono più dolciastri e si amalgamano meglio agli altri ingredienti. Da evitare il latte di soia per via del sapore troppo peculiare.