Lemon curd, la ricetta originale



lemon curd ricetta originale

Sempre per la serie regali goderecci per Natale, veloci e possibilmente semplici, oggi vi presento un classico della “cucina” inglese, il lemon curd. Che è sostanzialmente una crema di limone molto densa che può essere utilizzata sul pane (tipo il miele), come guarnizione o farcitura per le torte, colata sulle meringhe oppure mangiata a cucchiaiate :) Non è molto usuale prepararlo da noi ma vi assicuro che con ottimi limoni si tratta di una crema favolosa!

Cosa serve per 1 barattolo
300 grammi di zucchero
450 ml di acqua
50 grammi di maizena
120 ml di succo di limone (pari a 3 limoni medi)
4 tuorli grandi
buccia di 2 limoni
60 grammi di burro
1 pizzico di sale

Come si fa
1. Versare lo zucchero, la maizena e l’acqua in una pentola e mescolare fino a quando le “polveri” (zucchero e maizena) non si dissolvono.
2. Versare dentro la pentola il succo dei limoni, i tuorli e il pizzico di sale e mescolare per bene.
3. Mettere su fiamma medio-bassa e portare ad ebollizione sempre mescolando quindi lasciar sobollire per altri 12-13 minuti in modo che il composto si addensi per bene.
4. Versare nel composto la buccia grattata dei 2 limoni e il burro e continuare a mescolare sempre a fuoco medio-basso fino a quando il burro non si è sciolto del tutto.
5. Togliere dal fuoco, lasciar raffreddare nella stessa pentola quindi sistemare nei vasetti e riporre in frigorifero pronto per l’uso.

Tempo di preparazione: 20 minuti

Risultato: non eccessivamente dolce, il lemon curd preparato in questo modo è utile sia sui dolci che sui salati ed è di figura quando lo tirate fuori durante una cena, magari colato su delle meringhine :)

Variante: la variante “all’italiana”, che onestamente per me non ha molto senso (come chi pretende di fare la carbonara con il pollo o con la panna, dai!), è quella senza burro. La ricetta più sensata in questo senso l’ho trovata da Babette però vi dico che, nonostante l’intento, questo non è il vero lemon curd (anzi non è proprio un lemon curd!) e un inglese medio potrebbe spararvi se glielo proponete come ricetta alternativa :)

Consiglio: si mantiene in frigorifero per un paio di settimane e può essere riscaldato semplicemente prelevando la quantità necessaria da mettere in una ciotola a bagnomaria in modo da evitare che si cuocia nuovamente perdendo il suo sapore originale.

L’idea in più: se volete regalarlo impacchettatelo all’ultimo minuto e mettete all’interno del pacco un bigliettino con scritta la data di preparazione in modo che il destinatario sappia per quanto ancora utilizzarlo.


Commenti

Attivando i commenti accetti la privacy policy di Disqus.