Logo Agrodolce
Gplus Facebook Twitter Youtube Pinterest Instagram Rss


onion rings

Amanti della frittura, venite a me! :) Amanti del cibo spazzatura, venite a me! Amanti del cibo che consola e che rende felici, venite a me! Perchè quella di oggi è una ricetta davvero americanissima, di quelle che si vedono nei film e nei telefilm, di quelle alla Homer Simpson per intenderci: onion rings, ovvero anelli di cipolla fritti.

Si tratta di un contorno americano/anglosassone che in genere si frigge ma che qualche temerario prepara al forno perdendo parte della pastella attaccata alla cipolla giusto per restare leggeri :D : ecco, non lo fate perchè il risultato è pessimo e se dovete preparare qualcosa di maiale, preparate qualcosa di maiale senza farvi prendere dai sensi di colpa :)

Ed è una di quelle ricette veloci e semplicissime che risolvono una cena con gli amici, una grigliata o anche una festa di compleanno.

Cosa serve per circa 18 anelli di cipolla
4 cipolle dolci grandi (quelle di Tropea per esempio)
olio di oliva
2 uova
5 cucchiai di acqua frizzante
1 bicchiere di farina
sale
olio di semi di arachide

Come si fa
1. Sbucciare le cipolle quindi tagliarle a fette orizzontali spesse circa 3 cm per ottenere degli anelli. Mettere gli anelli a bagno nell’acqua fredda in modo che perdano il sapore troppo forte;
2. Preparare la pastella sbattendo con una forchetta le uova, la farina, due cucchiai di olio di oliva e l’acqua minerale. La pastella deve essere liscia ma non liquida per cui nel caso in cui fosse troppo acquosa aggiungere farina mentre se è troppo dura aggiungere latte. Aggiungere sale e pepe;
3. Scaldare l’olio di semi di arachide in una padella alta quindi immergere gli anelli scolati e asciugati nella pastella e versarli subito nella padella per la frittura. Lasciar dorare quindi scolare e far riposare su della carta assorbente per eliminare l’unto. Servire caldi accompagnati da salse o semplicemente da ketchup, maionese o senape.

Tempo di preparazione: 14 minuti

Risultato: la cipolla perde il suo aroma leggermente amaro e si addolcisce con il passaggio in acqua assorbendo la pastella e facendo in modo che la frittura sia abbastanza leggera dal momento che la pastella è gonfiata grazie all’acqua minerale.

Consiglio: utilizzate solo delle cipolle belle carnose e polpose perchè quelle troppo striminzite si seccano e si induriscono diventando immangiabili.

Postillina: potete preparare gli anelli e la pastella fino ad 1 ora prima per poi friggerli qualche momento prima di servire. Potete anche congelarli passandoli nella pastella e lasciandoli surgelare su una teglia ben distanziati gli uni dagli altri.


Commenti

Attivando i commenti accetti la privacy policy di Disqus.