Abbacchio alla romana, ricetta per Pasqua e non solo

Abbacchio romana ricetta

L’abbacchio alla romana è una tipica ricette di Pasqua e della primavera che a Roma e nel Lazio fa il paio con l’abbacchio a scottadito e quello alla cacciatora e che è immancabile sulle tavole di ogni famiglia che si rispetti (e anche al ristorante).
Si tratta di una ricetta molto semplice ma richiede che si utilizzi un abbacchio buono e morbido per cui il mio consiglio è di rivolgerti ad un macellaio di fiducia oppure ad un allevatore per avere un prodotto davvero di qualità che si scioglierà in bocca all’assaggio.

Riconoscere un abbacchio, ovvero un agnello dell’età massima di 7 mesi, è abbastanza semplice in quanto si deve verificare che la carne sia di un colore rosa pallido e che ci sia grasso bianco in abbondanza. Spesso siccome l’abbacchio è costoso per via del fatto che si tratta di una carne in qualche modo pregiata; alcuni macellai vendono quello che viene chiamato agnellone: si tratta di un agnello che ha raggiunto i 10/11 mesi di vita, che si nutre già di erba e la cui carne è molto più dura e più intensa quanto a sapore e odore.

Abbacchio alla romana: ingredienti per 8 persone

Un agnello
6 acciughe
Aglio al bisogno
Salvia al bisogno
Rosmarino al bisogno
Aceto di vino bianco al bisogno
Vino bianco al bisogno
Olio
Sale
Pepe

Abbacchio alla romana: ricetta

  1. Tagliare l’abbacchio a pezzi e condirlo con salvia, rosmarino, aglio a spicchi interi, olio di oliva, sale e pepe. Lasciar marinare per circa 30 minuti.
  2. Trascorso questo tempo infornare l’abbacchio a 180° per circa 55 minuti e irrorarlo con del vino bianco all’occorrenza.
  3. Nel frattempo preparare una salsa a base di alici, rosmarino, uno spicchio di aglio e aceto a piacere utilizzando il mortaio oppure il frullatore.
  4. Quando l’abbacchio è cotto toglierlo dal forno e irroratelo con la salsa. Rimettere l’abbacchio in forno per 1 minuto in modo da far amalgamare per bene la salsa quindi servirlo caldo.

Tempo di preparazione: 2 ore

Abbacchio alla romana

Risultato: e che vi devo dire? Non so com’è ma tutti dicono che è ottimo e io mi fido. Anche perchè la mamma è sempre la mamma, altro che storie! 🙂

Variante: è possibile portare l’abbacchio in tavola subito senza il doppio passaggio in forno.

Consiglio: se avanza non metterlo in frigorifero ma lascialo in una ciotola e riscaldalo in padella aggiungendo poca acqua calda.