Logo Agrodolce
Gplus Facebook Twitter Youtube Pinterest Instagram Rss


pere sciroppate

Se fate parte dell’esercito di quelli che iniziano 3 mesi prima a preparare, in casa, tutti i regali di Natale e non vi ferma nemmeno il fatto che spesso la spesa e l’impegno è maggiore della resa, secondo me questa è la ricetta adatta per un regalo di Natale davvero speciale: pere sciroppate. La facilità nella preparazione e l’effetto scenografico sono garantite ma ci si deve organizzare almeno con 20-25 giorni di anticipo in modo che le pere si riposino e assorbano lo sciroppo.

Premetto che in questa ricetta non si segue il procedimento classico di “sciroppatura” della frutta che prevede un utilizzo spropositato di zucchero senza altri ingredienti di supporto per ottenere lo sciroppo ma il procedimento “alla nordica” ovvero utilizzando zucchero e aceto di vino per un sapore agrodolce davvero particolare; se cercate la classica ricetta per le pere sciroppate vi consiglio di seguire quella del GattoGoloso Claudia.

Cosa serve per 4 barattoli
2 Kg di pere piccole
Buccia e succo di 1 arancia
10 chiodi di garofano
1 litro di aceto di vino bianco
2 stecche di vaniglia
1 kg di zucchero
6 cm di zenzero fresco

Come si fa
1. Tagliare la buccia dell’arancia senza arrivare alla parte bianca e metterla in un pentolino con i chiodi di garofano, lo zenzero fresco, il succo d’arancia, l’aceto, le stecche di vaniglia e lo zucchero. Cuocere a fuoco basso fino a quando lo zucchero non si è dissolto del tutto e mescolando spesso.
2. Sbucciare le pere, tagliarle a metà e togliere il nocciolo quindi metterle nel pentolino e lasciarle sobbollire a fuoco lento per 15 minuti o comunque fino a quando non diventano morbide.
3. Rimuovere le pere e metterle a scolare dentro uno scolapasta e nel frattempo alzare la fiamma e fare in modo che il liquido si restringa e diventa molto cremoso, tipo uno sciroppo, lasciandolo cuocere per 15 minuti mescolando spesso.
4. Scaldare leggermente i vasetti in forno, sistemare al loro interno le pere in modo che restino dritte e aggiungere il succo ancora caldo arrivando fino al picciolo. Richiudere i vasetti per bene e sterilizzarli per 30 minuti in acqua bollente quindi toglierli, asciugarli per bene e una volta tiepidi/freddi applicare delle etichette. Riporre in un luogo dove non arrivi luce solare diretta e aspettare almeno 20/25 giorni prima di aprire.

Tempo di preparazione: 1 ora + riposo

Risultato: le pere sciroppate in questo modo sono dolci ma non troppo e soprattutto sono versatili perchè si possono mangiare da sole, se ne può utilizzare il succo per il gelato, per il panettone a Natale, per un eventuale ciambellone (etc etc etc) oppure si può gustare tutto insieme, se siete presi dal raptus della pera sciroppata :D

Variante: lo zenzero fresco è molto importante per la buona riuscita della ricetta ma nel caso in cui fosse difficile trovarlo vi consiglio di sostituirlo con un cucchiaino di zenzero in polvere da dissolvere per bene nel liquido in modo che non ne restino dei residui in superficie.

Consiglio: bollendo l’aceto sul fornello, nonostante la presenza di spezie e zucchero, si rischia l’asfissia. Aprite la finestra se non volete morire :D e in modo tale che l’odore di spezie resti nell’aria senza appesantire :D .


Commenti

Attivando i commenti accetti la privacy policy di Disqus.