Zeppole napoletane fritte per Carnevale

graffe di carnevale ricetta

S’è capito che mi piace febbraio perchè mi piace friggere? Siamo seri e onesti: non esiste altro mese e altra ricorrenza che consentono di mangiare fritto pure a colazione senza fare storie nè problemi e volete mettere la soddisfazione che dà addentare una castagnola, una frappa, una ciambella o un bombolone a qualsiasi ora del giorno e della notte? Per la serie “colesterolo I love you”, vi presento oggi la ricetta delle zeppole. Che si chiamano anche graffe a Napoli e in Campania.

Che non sono da confondere con le zeppole di San Giuseppe, di cui trovate la ricetta originale qua, perchè sono invece delle ciambelle piene di zucchero, fritte e assolutamente da provare se vi piace il fritto e vi piace sporcarvi la bocca. Parecchio! 🙂

Zeppole napoletane di Carnevale: ingredienti per 20

1 Kg di farina 00 (per i celiaci è ottimo qualsiasi mix per pane)
300 grammi di burro
200 grammi di zucchero
5 uova,
250 grammi di acqua
1 cubetto e mezzo di lievito di birra (o una bustina e mezza del disidratato)
un pizzico di sale
essenza di vaniglia
2 litri di olio di semi

Zeppole napoletane di Carnevale: ricetta

Scaldare un cucchiaio di acqua e, una volta pronto, sbriciolare il lievito e impastarlo per bene aiutandosi con un cucchiaio di farina.
Prendere la farina e versarla dentro una ciotola grande, praticare il buco in mezzo e versare tutto il lievito più tutti gli altri ingredienti senza ordine preciso. Impastare per bene con le mani fino a quando non si ottiene una pasta morbida e compatta quindi mettere a lievitare per 1 ora.
Prendere l’impasto e maneggiarlo velocemente con le mani sporche di farina quindi ritagliare tante palline da cui ricavare tanti cordoncini lunghi circa 12 cm con i quali formare delle ciambelle sigillandole alla fine semplicemente facendo aderire ledue estremità della pasta.
Disporre su una placca da forno foderata di carta forno e lasciar lievitare, coperte con un panno umido, per 1 ora. Una volta pronto (dovrebbe essere ad una temperatura massima di 160° altrimenti lo zucchero rischia di annerire le zeppole all’esterno lasciandole crude dentro!) scaldare l’olio di semi e friggere le zeppole in modo che non stiano troppo strette nella pentola. Scolarle, asciugarle con la carta da cucina e cospargerle di zucchero.

Tempo di preparazione: 30 minuti + tempo di lievitazione

Risultato: sono buonissime! Sono soffici, non assorbono l’olio, sono goduriose. Non sono leggere ma un bel chissene è d’obbligo! 😀

Variante: le graffe napoletane, che è poi il nome ufficiale delle zeppole, sono preparate anche con le patate ma chiaramente in questo modo sono molto molto più pesanti.

Consiglio: vanno servite tiepide ma reggono benissimo anche fredde. Passato un giorno iniziano a perdere consistenza e sapore quindi vi consiglio di prepararle e mangiarle alla svelta e semmai di riporle in una ciotola di alluminio o anche su una teglia coperta con un panno.