Gazpacho, la ricetta originale del gazpacho andaluso

gazpacho ricetta

Il gazpacho è una delle ricette più tradizionali dell’Andalusia dove, per tradizione, in estate è caldissimo e si è alla ricerca di cibi sostanziosi ma anche freschi: il gazpacho è proprio l’esempio lampante di una ricetta semplice, veloce e anche gustosissima che fa dell’uso di ingredienti di stagione la sua forza.

Come tutte le ricette tradizionali, anche il gazpacho andaluso risente della regione dove viene preparato: tantissimi sono i modi, in Spagna, per preparare e servire questo piatto estivo anche se la ricetta di base prevede la presenza di peperoni dolci, aglio, cetrioli e pane ai quali si possono aggiungere altri ingredienti.

In tutti i casi, il gazpacho è simile al salmorejo e prevede che si utilizzino pomodori rossi e freschi e mai la passata proprio perché, siccome si mangia crudo, questa zuppa fredda deve essere saporita e il più genuino possibile; la cipolla è opzionale nella ricetta tradizionale ma il più delle volte la si utilizza o la si trova.

Ideale come primo piatto estivo, il gazpacho si presta benissimo anche per un antipasto particolare magari servito dentro bicchierini freddi e, per accentuarne ancora di più la caratteristica di essere un piatto freddo, può essere anche servito con aggiunta di cubetti di ghiaccio che vanno anche a spegnere il sapore forte del peperone.

Vuoi sapere come è nato il gazpacho?

Esattamente come tutte le ricette tradizionali, anche il gazpacho è nato come piatto povero: si preparava usando mollica di pane, olio e aceto senza pomodoro che venne aggiunto in seguito. La parola gazpacho andaluso venne usata per identificare questo piatto e differenziarlo rispetto a tutti gli altri tipi di gazpacho visto che questa parola in spagnolo viene usata per indicare qualsiasi tipo di zuppa, calda o fredda. Oggi il gazpacho andaluso è quello che ti propongo io ma ne esistono diverse varianti tra cui il gazpacho manchego o galiano, caldo e con carne, e l’ajoblanco a base di aglio e senza pomodoro.

Utilizzando del pane senza glutine, questa è una ricetta naturalmente gluten free e senza particolari grassi o calorie: l’uso di ingredienti freschi, di stagione, senza conservanti e da accompagnare a dell’olio buono rende questa ricetta l’esempio lampante di cos’è la cucina mediterranea genuina e semplice.

Ora che sai tutto, o quasi, sul gazpacho è ora di mettersi ai fornelli e preparare questo facilissimo e buonissimo gazpacho andaluso per l’estate, da proporre magari per una cena estiva in terrazza!

Gazpacho: ingredienti per 4 persone

1/2 chilo di pomodori maturo
1/2 peperone dolce verde
1 spicchio d’aglio
1/2 cetriolo
1 dl di olio d’oliva
4 cucchiai di aceto di vino
1 fetta di pane
Acqua fredda
Sale fino

Gazpacho: ricetta

  1. Scottare i pomodori e togliere la buccia quindi inserirli nella ciotola di un frullatore insieme al cetriolo, al pepe ell’aglio. Aggiungere anche il pane bagnato nell’acqua.
  2. Frullare fino ad ottenere una salsa senza grumi quindi aggiungere sale e aceto fino a trovare il giusto sapore e, se necessario, olio d’oliva.
  3. Passare il gazpacho dentro un colino in modo da eliminare qualsiasi residuo, sistemarlo dentro una ciotola, coprirlo con una pellicola trasparente per evitare l’ossidazione del pomodoro e metterlo in frigorifero per almeno 1 ora.
  4. Servire il gazpacho in porzioni individuali accompagnandolo con crostini di pane, cetrioli e peperoni sminuzzati.

Tempo di preparazione: 15 minuti + raffreddamento

gazpacho

Risultato: una zuppa fresca, rinfrescante e dal sapore unico dato dalla presenza dei peperoni e dei cetrioli che solo all’apparenza si annullano ma che invece si completano.

Variante: è possibile aggiungere della cipolla cruda sminuzzata oppure frullata direttamente insieme al pomodoro anche se la ricetta tradizionale non la prevede.

Consiglio: una volta preparato, va riposto dentro una ciotola con chiusura ermetica ma prima di chiudere con un tappo va predisposto uno strato di pellicola trasparente che permette al pomodoro di non ossidarsi e quindi di non perdere le sue caratteristiche. Si mantiene bene per un paio di giorni.