Dove mangiare a Miami: consigli per mangiare bene, zona per zona

Cafe little havana

Dove andiamo a mangiare a Miami? Se stai per partire per la Florida probabilmente questa è una domanda che ti è balenata in testa parecchie volte: la città è grande, i quartieri sono tanti e la scelta è vastissima, sia in termini di posti che per quel che riguarda il tipo di cucina da scegliere. Quindi, come scegliere dove mangiare a Miami senza prendere fregature turistiche e soprattutto spendendo il giusto? Ho messo insieme qualche consiglio su locali provati personalmente a Miami, dividendoli per zone; non si tratta di una guida su dove mangiare a Miami spendendo poco ma dove mangiare a Miami spendendo il giusto in base all’offerta. Piccola nota: di solito negli Stati Uniti, e Miami non fa eccezione, si può spendere di meno durante il cosiddetto Early Bird durante il quale, di solito dalle 17 alle 19, si arriva a spendere anche la metà. I pranzi sono sempre più economici delle cene e richiedono anche un abbigliamento meno “formale”.

Come orientarsi a Miami per scegliere cosa fare e dove mangiare

La viabilità a Miami, al netto del traffico, è abbastanza semplice: strade larghe, ponti, segnaletica ben visibile e possibilità di raggiungere qualsiasi parte della città in circa 30 minuti (a Los Angeles si impiegano anche 2 ore per arrivare da una parte all’altra, per dire!) per cui si può girare facilmente, per me meglio con una macchina, e programmare una visita coerente e senza stress. Prima di immergerci nella parte golosa, ecco la cartina ufficiale di Greater Miami and The Beaches per darti un’idea della planimetria della città e capire come organizzarti al meglio per visitare quartieri vicini nello stesso giorno e iniziare dalla colazione per finire al dopo cena in maniera strutturata. Puoi cliccare sulla mappa per ingrandirla e anche stamparla, se necessario.

Mappa di Miami

A parte la cartina, vi consiglio anche una guida per avere sotto mano informazioni utili su attrazioni e anche su storia e cultura; io personalmente ho usato la Lonely Planet Florida e la National Geographic per Miami ma la Touring è uscita da poco e di solito la qualità delle informazioni è molto alta. Il quarto è un libro che racconta un’altra Miami e che personalmente mi ha aiutata a capire la città, la sua cultura e anche le sue immense possibilità (è scritto in forma giornalistica, non è propriamente un romanzo)

Mangiare a South Beach – Miami Beach

South Beach non è esattamente il posto migliore dove andare a mangiare, secondo me. E’ un posto talmente turistico che anche l’offerta enogastronomica si è velocemente adeguata con prezzi spesso di molto superiori alla media e una qualità che scarseggia, sotto parecchi punti di vista. Spostati alla fine di Ocean Drive, nel cosiddetto South of Fifth (SOFI), che va dalla Quinta a più o meno la Prima Strada in direzione opposta rispetto a Ocean Drive e comprende una zona di eleganti edifici, hotel discreti e lussuosi e spiagge frequentate solo dalla gente del posto, in particolare surfisti; tra le cose imperdibili in zona, oltre la passeggiata su strada o sulla spiaggia per vedere le famose torrette di salvataggio colorate (molte delle quali non sono accessibili se non da lontano, come segnalato da un nastro che le circonda quindi attenzione!) il South Pointe Pier al tramonto (nonostante la presenza delle tante/troppe navi da crociera che spesso rovinano il panorama).

Nel SOFI prova la cucina del Local House dentro lo stiloso Sense Beach House Hotel. Un mix di sapori che spazia dall’Italia (il proprietario del Sense è italiano) alla Spagna al Perù per una cucina diversa da tutto quello che si trova in zona Ocean Drive: da provare le crocchette di formaggio e, visto che il brunch è una delle loro specialità, le Crab Cake Eggs Benedict da accompagnare ad uno dei tanti vini italiani presenti in carta.

goat croquettes

Sempre in zona ti consiglio Joe’s Stone Crab in Washington Avenue, posto conosciuto e dove si mangia molto bene (nonostante i prezzi non siano propriamente bassi).

tacos

Sfatiamo un altro mito: le noci di cocco che vedi fotografate ovunque, piene di acqua o latte di cocco e da portare in spiaggia si trovano ma la qualità di chi le vende è a dir poco scadente; punterei ad assaggiare una noce di cocco ripiena di latte in un’altra zona di Miami, lasciando stare Miami Beach.

Mangiare a Coral Gables

Coral Gables non è un quartiere famoso tra i turisti ma è un quartiere che raccomando a tutti di vedere per scoprire una diversa anima di Miami: accanto alle case in stile veneziano e spagnolo, alberi dove ancora oggi viene praticata la santeria e un’area tutta in costruzione tutta dedicata al buon mangiare e al buon bere.

Da provare il brunch del The Biltmore Hotel che viene servito tutte le domeniche e include dolci, salati e champagne oppure, sempre al The Biltmore, l’afternoon tea servito nella sala al primo piano o uno dei ristoranti presenti nella struttura; personalmente consiglio Cascade e 19th Hole con vista sulla piscina e soprattutto un menù alla carta casual e decisamente a portata di tutti.

Biltmore brunch

biltmore miami

Sempre in zona, The Local Craft Food & Drink è un ottimo posto per qualcosa da mangiare ma soprattutto per bere dopo cena con la sua scelta di birre artigianali e cocktail e un bancone enorme dove fare amicizia è un must.

Se sei in cerca di dolci, non perderti le donuts di Honeybee Doughnuts (siamo già verso South Beach/Coconut Grove ma è vicino a Coral Gables), impastate a mano e a lunga lievitazione.

donut

Ottima la scelta di posti dove mangiare e bere sul Miracle Mile, basta una passeggiata e c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Mangiare a Coconut Grove

Coconut Grove di solito è da sempre considerato un quartiere bohemienne e questo si riflette anche nei locali dove mangiare e bere che spesso offrono anche la vista sul mare. Greenstreet Café rispecchia appieno lo stile di vita di Coconut Grove: un posto rilassato dove si mangia da mattina a primo pomeriggio, cucina americana classica tra pancakes (stratosferici i cinnamon roll pancakes), bagels e tanto altro.
Da LoKal si va per una birra e anche per assaggiare gli hamburger e la carne di alligatore (un must da assaggiare!) mentre punta sul classico messicano, cucinato in maniera eccellente, El Taquito; ti segnalo infine Grove Bay Grill che guarda la baia di Miami e dove sono imperdibili i piatti di pesce.

Il mio consiglio se sei a Coconut Grove è di esplorare la zona a piedi partendo da McFarlane Road e percorrendo tutta la South Bayshore Road per trovare mangiare e bere in abbondanza e anche di livello qualitativamente alto.

pesce miami

waffles Miami

Posti dove mangiare a Key Biscayne

Key Biscayne è una vera e propria esperienza e se ci aggiungiamo la parte enogastronomica un salto, neanche troppo veloce, in questa zona immacolata, non turistica, super costosa e incantevole isola di fronte a Miami vale più che la pena di farlo. Dopo una visita al Bigg Baggs Cape Florida State Park e al suo incantevole faro affacciato sull’Oceano, rifocillati allo splendido e cubanissimo Oasis Sandwich Shop: empanadas, succo di canna da zucchero, sandwich cubano e tanto altro in questo posto senza pretese, senza turisti e con i tavolini fuori a contatto diretto con i gechi.

Regalati un assaggio di Perù da El Gran Inka mentre se ti manca la pizza io ti consiglio Puntino Key Biscayne considerato un finest restaurant ma niente di improponibile in termini economici (certo, la pizza costa molto più che in Italia ma siamo comunque dall’altra parte del mondo). Infine, imperdibile anche solo per un caffè Donut Gallery Diner aperto dall’alba fino a dopo pranzo con le sue colazioni americane e i panini giganti ripieni di tutto il possibile.

key biscayne

empanadas

Mangiare a Little Havana

Little Havana è il posto nato a seguito dello sbarco in Florida degli immigrati provenienti da Cuba agli inizi degli anni Sessanta e oggi è un baluardo di storie e tradizioni dove il cibo ha davvero tantissima importanza. Un ottimo modo per testare cibo cubano, sentire storie e vivere al meglio Little Havana è un tour enogastronomico con i ragazzi di Miami Food Tours: circa 3 ore durante le quali assaggerai di tutto e di più, in alcuni dei migliori posti della zona (tra cui il fantastico Ball and Chain, conosciuto per il suo mojito) e anche in luoghi dove i turisti non arrivano. Tre ore per riempirti la pancia di cibo e il cuore di belle storie.
Una curiosità: a Little Havana si trova l’unico McDonald’s dove si può trovare il café con leche alla cubana.

little havana

Pastelitos

caffè cubano

sandwich cubano

Mangiare a Wynwood

Il quartiere di Wynwood è conosciuto per i suoi graffiti nati da un progetto del 2009 per riqualificare la zona e oggi tutti i muri a disposizione, siano privati o pubblici, sono ricoperti di splendidi graffiti che ne fanno una delle zone più belle di Miami. Accanto ai graffiti si è sviluppata l’industria del tessile e dell’homemade art che ha portato alla nascita di birrerie artigianali e posti dove mangiare e bere in modo consapevole (e benissimo).

murales wynwood

Ti segnalo tra i tanti Mister Block Cafe dove non solo il caffè è ottimo ma la selezione di prodotti senza glutine, vegetariani e vegani è davvero incredibile e anche Dr Smood specializzato in organico e raw; imperdibile la sosta alla Wynwood Brewing Company, azienda locale che produce birre stagionali che possono essere assaggiate direttamente in loco.

wynwood brewery

drsmood

In zona Wynwood si trova anche quello che è considerato all’unanimità uno dei posti migliori dove mangiare le donuts a Miami (e in tutti gli Stati Uniti): The Salty Donuts. La scelta è equamente divisa tra donuts stagionali e donuts sempreverdi da accompagnare con un caffè o una bibita.

Ristoranti dove mangiare a Brickell e Downtown

Uno dei quartieri emergenti di Miami, Brickell è chiusa tra Downtown e Wynwood e se di giorno sembra poco attraente per via dei palazzoni e del traffico, di sera si trasforma e diventa una vera e propria mecca enogastronomica da non perdere se sei alla ricerca del buon cibo. SuViche è il posto ideale per mangiare del vero cibo peruviano mentre da The Capital Grille la carne è una cosa seria e la griglia anche e nonostante all’apparenza il posto sia un po’ troppo posh in realtà ti stupirà con la sua atmosfera rilassata.

Ceviche

Ti segnalo poi The River Seafood Oyster Bar e Truluck’s, entrambi specializzati in pesce, cotto e crudo.

Il mio consiglio: trova un parcheggio (abbastanza difficile ma si può fare!), esplora la zona a piedi partendo da Brickell Avenue e ritagliati una visita notturna al Brickell City Centre per guardare la città da un diverso e spettacolare punto di vista. Con il Metromover, poi, puoi spostarti gratuitamente in mezzo ai grattacieli da Brickell a Downtown e fermarti a bere una cosa da Blackbird Ordinary, specializzato in cocktails, o al localissimo The Corner, specializzato in birre.

Guarda il mio video su Miami

A questo punto non mi resta che dirti… buon viaggio!

miami spiaggia

[Foto di Giuseppe. Il viaggio a Miami è stato realizzato grazie al sostegno di VisitMiami sul cui sito puoi trovare tutte le informazioni per pianificare il tuo viaggio a Miami e scegliere tra diverse attività in base alle tue preferenze. Grazie al Biltmore Hotel che ci ha ospitati. Le opinioni espresse sono personali e non influenzate dalla partnership con l’Ente e con i suoi partner].