Organizzare un viaggio in Islanda: la guida con tutte le informazioni

seljalandsfoss

Organizzare un viaggio in Islanda è da un lato molto divertente e dall’altro abbastanza impegnativo: la destinazione, infatti, oltre ad essere tra le più richieste è anche particolare e sia che la si visiti in estate che in inverno può presentare delle difficoltà. L’ostacolo più grande è sicuramente il meteo ma non mancano di preoccupare i costi e gli spostamenti. In questo articolo ti racconto come organizzare un viaggio in Islanda senza andare in panico e anzi ordinando le idee in maniera pratica e veloce. Trovi altre risorse e articoli utili sull’Islanda cliccando qui.

Dove si trova l’Islanda?

L’Islanda si trova in Europa Settentrionale e la sua caratteristica principale è di essere un’isola abbastanza lontana dal resto dell’Europa e caratterizzata da forti differenze termiche dovute alla presenza di ghiacciai e fonti di calore geotermale che ne definiscono la conformazione e l’abitabilità. Non è un caso che dell’Islanda si parli sempre come di “terra di ghiaccio e di fuoco” per indicare proprio queste caratteristiche. Nonostante l’Islanda sia seconda per grandezza solo all’Inghilterra, se parliamo di isole, ad essere abitata è praticamente quasi solo la sua capitale Reykjavík.

Quando andare in Islanda?

L’Islanda è famosa perché sull’isola non fa mai davvero caldo e anzi in alcuni mesi dell’anno è quasi proibitivo andare. Sicuramente i mesi più “semplici” e anche quelli più affollati sono luglio e agosto con le temperature che arrivano intorno ai 14-15 gradi di giorno mentre l’inverno, da dicembre a marzo, può essere davvero difficile per via della neve e del ghiaccio. Va detto però che se in estate la notte non arriva mai, in inverno le ore di giorno sono pochissime ed è possibile vivere l’esperienza dell’aurora boreale che colora i cieli islandesi di verde. Il Nord dell’isola è praticamente inaccessibile in inverno mentre diventa meta di turismo in estate anche se alcune zone restano comunque poco raccomandabili per via delle strade dissestate e difficili.

Vedere l’aurora boreale in Islanda

L’Islanda è meta di quanti vogliono vedere l’aurora boreale ma questo non sempre capita e la probabilità di successo dipendono da molti fattori. Banalmente, meno ore di luce ci sono e più sono alte le probabilità di vedere le Northern Lights ma ovviamente non è questo il solo fattore da considerare. Maggiori informazioni su un post dedicato, comprensivo di indicazioni per scattare le foto all’aurora boreale.

Che documenti servono per viaggiare in Islanda?

  • Passaporto o carta di identità;
  • Patente;
  • Carta di credito necessaria per il noleggio dell’auto;
  • Tessera sanitaria europea per le prime cure ed assicurazione di viaggio (di solito dico eventuale ma in questo caso, specie se ami scalare e andare in montagna come me, dico obbligatoria per evitare qualsiasi problema in loco!);
  • Una lista di medicine proibite, farmaci e alimenti a cui sei allergico/a [ovviamente tradotta in inglese eh?]

Che moneta si usa in Islanda?

In Islanda si usa la corona islandese, ISK. Per evitare di portarsi dietro soldi è possibile usare la carta di credito pagando tutto senza contanti.

blue lagoon

Come mi devo vestire per visitare l’Irlanda?

L’Islanda richiede sempre un abbigliamento molto comodo, adatto per camminare e stare all’aperto e soprattutto caldo. Ho diviso le tipologie di abbigliamento richiesto in base alla stagione, scarpe comprese. Consiglio: nello zaino o a portata di mano tieni sempre un paio di calzini di ricambio e se possibili portati due paia di guanti nel caso in cui uno dovesse bagnarsi per qualsiasi motivo.

Abbigliamento invernale in Islanda

Se visiti l’Islanda in inverno avrai bisogno di:

  • Giacca a vento termica con parecchie tasche
  • Scarpe da montagna impermeabili
  • Scarponcini per la neve
  • Calzini termici
  • Guanti/Sciarpa/Scaldacollo/Cappello (in pile o tessuto tecnico)
  • Pantaloni imbottiti da sci
  • Felpe di pile
  • Magliette termiche a maniche lunghe
  • Leggings (se sei una donna), pantaloni da montagna (se sei un uomo)
  • Costume (da mare o da piscina)
  • Balsamo/shampoo buono per i capelli (l’acqua delle terme islandesi è molto sulfurea e secca i capelli)
  • Crema corpo (per lo stesso motivo di cui sopra)

Abbigliamento primaverile in Islanda

Se visiti l’Islanda in primavera avrai bisogno di:

  • Giacca a vento termica
  • Scarpe da montagna impermeabili
  • Scarpe da ginnastica
  • Calzini termici
  • Guanti/Sciarpa/Scaldacollo/Cappello (in tessuto tecnico)
  • Felpe di pile
  • Magliette termiche a maniche lunghe
  • Magliette a maniche corte
  • Leggings termici (se sei una donna), pantaloni da montagna (se sei un uomo)
  • Costume (da mare o da piscina)
  • Balsamo/shampoo buono per i capelli (l’acqua delle terme islandesi è molto sulfurea e secca i capelli)
  • Crema corpo (per lo stesso motivo di cui sopra)

Abbigliamento estivo in Islanda

Se visiti l’Islanda in estate avrai bisogno di:

  • Impermeabile (tipo K-Way o similari)
  • Scarpe da montagna (meglio se impermeabili ma non necessariamente)
  • Scarpe da ginnastica
  • Calzini termici
  • Sciarpa/Scaldacollo/Cappello
  • Felpe
  • Magliette a maniche corte
  • Leggings (se sei una donna), pantaloni da montagna (se sei un uomo)
  • Pantaloncini corti in caso di belle giornate
  • Costume (da mare o da piscina)
  • Balsamo/shampoo buono per i capelli (l’acqua delle terme islandesi è molto sulfurea e secca i capelli)
  • Crema corpo (per lo stesso motivo di cui sopra)

Abbigliamento autunnale in Islanda

Se visiti l’Islanda in autunno avrai bisogno di:

  • Giacca a vento termica con parecchie tasche
  • Scarpe da montagna impermeabili
  • Calzini termici
  • Guanti/Sciarpa/Scaldacollo/Cappello (in pile o tessuto tecnico)
  • Pantaloni imbottiti da sci
  • Felpe di pile
  • Magliette termiche a maniche lunghe
  • Leggings (se sei una donna), pantaloni da montagna (se sei un uomo).
  • Costume (da mare o da piscina)
  • Balsamo/shampoo buono per i capelli (l’acqua delle terme islandesi è molto sulfurea e secca i capelli)
  • Crema corpo (per lo stesso motivo di cui sopra)

Devo portarmi medicine in Islanda?

La risposta è si. Trovare una farmacia può essere difficile e trovare i medicinali anche per cui consiglio, se viaggi in Islanda, di portarti dietro almeno le medicine più comuni e utili:

  • Antipiretici (tipo Tachipirina)
  • Antinfiammatori (tipo Aspirina)
  • Antistaminici se soffri di allergia e/o pomata antistaminica (tipo Fargan)
  • Farmaci contro problemi di stomaco (tipo Imodium)
  • Creme per dolori muscolari
  • Crema solare (se c’è il sole, può picchiare anche se non te ne accorgi per via dell’altezza)
  • Cerotti
  • Eventuali antirepellenti
  • Burrocacao medico (per curare labbra screpolate)
  • Crema mani medica (per le mani screpolate a causa del freddo).

islanda

Noleggio auto in Islanda

L’Islanda è adatta ad un viaggio in auto ed è per questo motivo che il noleggio auto in Islanda è abbastanza semplice nonostante sia costoso rispetto ad altri Paesi. La prima cosa importante da sapere è che se si resta dentro le zone più turistiche come il Golden Circle con le sue attrazioni “su strada” non si ha bisogno di una macchina particolare mentre se si vogliono esplorare le zone più a Nord o quelle a Ovest meno turistiche potrebbe essere una buona/ottima idea noleggiare un SUV. Se visiti l’Islanda in inverno assicurati di avere le gomme termiche mentre è buona norma, tutti i mesi dell’anno, stipulare l’assicurazione con copertura completa sia dei passeggeri che del veicolo perché le strade possono essere ghiacciate oppure piene di fango ed è bene essere coperti per qualsiasi evenienze. Ti consiglio di ritirare l’auto presso l’aeroporto di Keflavik che dista circa 1 ora da Reykjavík per evitare i costi associati agli spostamenti; puoi noleggiare un’auto solo se hai da 21 anni in su e sei in possesso di patente di guida valida.

Tour dell’Islanda in autobus

Da Reykjavík partono giornalmente tour per visitare le zone più famose dell’Islanda o anche le sue attrazioni più interessanti (Blue Lagoon, Golden Circle, ghiacciai e molto altro). I prezzi ovviamente non sono bassissimi e questo tipo di tour è sicuramente adatto a chi ama farsi trasportare senza doversi preoccupare di nulla.

Islanda in camper

L’Islanda è famosa tra i camperisti perché sull’isola è possibile sostare, in camper o camioncini appositi e appositamente attrezzati, praticamente ovunque grazie alla “law of survival”, la legge di sopravvivenza che permette di sostare ovunque per una notte (e mangiare tutto ciò che di commestibile si trova in zona se necessario!) previo permesso da parte del proprietario del terreno. Esistono anche numerosissime aree di sosta attrezzate proprio a sostegno di questo modo di viaggiare, molto incoraggiato in Islanda.

Limiti stradali in Islanda

Che sia camper o auto o moto, questi sono i limiti stradali da rispettare in Islanda:

  • 50 km/hr in aree popolate;
  • 60 km/hr in superstrade;
  • 30 km/hr in zone residenziali;
  • 80 km/hr su strade dissestate nelle aree rurali;
  • 90 km/hr su strade asfaltate nelle aree rurali.

Dove dormire in Islanda?

L’Islanda è uno dei posti più costosi quando si parla di alloggi e cibo. Un hotel non particolarmente ricercato può costare, in media, anche 150 euro a notte senza colazione e spesso la qualità non è tra le migliori. Ovviamente si trovano altre soluzioni tra cui le tanto amate farms, ovvero fattorie con poche stanze a disposizione dove si spende leggermente di meno rispetto agli hotel e si sta a contatto con la natura più incontaminata. Ostelli e appartamenti sono tra le altre soluzioni accessibili prenotando, specie in alta stagione, con parecchio anticipo. Io consiglio sempre le prenotazioni tramite Booking.com perché garantiscono rimborso totale in caso di cancellazione (salvo casi specifici), prezzi interessanti e diverse soluzioni: hotel, ostelli, appartamenti e anche fattorie. A Reykjavík consiglio di soggiornare presso l’Icelandair Hotel Marina che al suo interno ha anche un ottimo ristorante ed è situato in prossimità del centro, vicinissimo a tutte le attrazioni. Camere piccole ma ben organizzate, in perfetto stile nordico.

Come arrivare in Islanda?

L’Islanda è ben servita, dall’Italia, con voli diretti da Milano e Roma ma può essere raggiunta anche con scali a Londra, Dublino o altre città europee. Consiglio sempre, per trovare la migliore combinazione di prezzi/orari/giorni, di consultare Skyscanner per trovare il volo migliore.

islanda alba

Connessione ad Internet e telefono in Islanda

Alcune delle zone più lontane dell’Islanda sono praticamente fuori dal mondo e anche se hai a disposizione una scheda italiana, potrebbe non funzionare. Acquista una scheda islandese direttamente in aeroporto da usare per la connessione ad Internet: le schede si acquistano in forma prepagata, si attivano immediatamente e danno diritto ad un tot di giga in base al prezzo pagato. Nova e Siminn sono le due compagnie più utilizzate ed affidabili sempre tenendo conto che in alcune parti dell’Islanda neanche loro potrebbero funzionare. Se viaggi con WowAir, le schede sono in vendita anche in aereo.

Attrezzatura fotografica/tecnica

L’Islanda è il paradiso per chi ama fare foto e dare consigli in questo senso è difficile in quanto ognuno di noi parte con diverse aspettative e ha apparecchiature diverse. Sicuramente portarsi dietro un cavalletto, anche piccolo e adatto al cellulare, è un ottimo modo per foto stabili; il cellulare da solo potrebbe non essere sufficiente per catturare le bellezze dell’Islanda quindi una macchina fotografica è da mettere in conto. Batterie di ricambio, cavi e tutto quello che serve per ricaricare e tenere in vita le attrezzature va messo in valigia calcolando che le riparazioni e gli acquisti in Islanda sono costosissime. Maggiori informazioni in un post dedicato.

Itinerario in Islanda

Non ci sono molte opzioni per itinerari in Islanda visto che esiste solo una strada, la Ring Road, che percorre l’Isola nella sua interezza. L’unica cosa che puoi valutare è quanta Ring Road percorrere in base al tempo che hai a disposizione ma anche a quello che vuoi vedere o su cosa vuoi focalizzarti. Maggiori informazioni in un post dedicato.

Quanto costa un viaggio in Islanda

Parecchio, specie se comparato con altre destinazioni. A costare sono i trasporti ma anche e soprattutto cibo (un main di carne e verdura arriva a costare anche 40$!) e alloggi. Ci si può tranquillamente “arrangiare” presso i supermercati del luogo e nello specifico Bónus e Víðir. Bónus è il discount più economico di tutti ma la qualità dei freschi lascia a desiderare mentre Víðir è più costoso ma la qualità dei prodotti freschi è davvero ottima. Skyr, pane, salumi e tutto l’occorrente per preparare dei pasti veloci, degli snack ma anche dei pasti più complessi se viaggi in camper o dormi in appartamento/ostello. L’alcol costa moltissimo nei locali per via di una legge legata alle importazioni.

Quale guida dell’Islanda consigli?

Lonely Planet per me è un’ottima guida per l’Islanda specialmente per quel che riguarda informazioni logistiche, geografiche e storiche mentre se ami camminare la guida pratica di Paddy Dillon è l’ideale perché contiene informazioni su sentieri, parchi e montagne da esplorare sull’Isola.

Le prese elettriche in Islanda

In Islanda funzionano le spine che usiamo in Italia, le cosiddette Siemens

Come si mangia in Islanda

Ti rimando a questo post, scritto la prima volta che sono stata in Islanda.

A chi lo consigli un viaggio in Islanda?

Sicuramente l’Islanda è una terra particolare, adatta a chi ama i viaggi all’avventura e la natura. E’ un luogo magico, adatto a chi ama sporcarsi le scarpe e le mani, a chi ama camminare, scalare e percorrere km e km senza incontrare nulla e nessuno, solo natura incontaminata e cavalli. E’ il luogo adatto in cui perdersi per ritrovarsi o in cui lasciarsi andare, senza pensare a come si è vestiti ma godendosi la bellezza della natura e la sua grandezza. Se stai cercando divertimento sfrenato e vita notturna o se la natura non fa per te, l’Islanda non è il posto ideale.

[Tutte le foto sono di Giuseppe, scattate durante il nostro ultimo viaggio in Islanda a Dicembre 2015]