Viaggio in California: consigli e informazioni utili per partire

visitare california

E’ facile organizzare un viaggio in California? Che tipo di viaggio scegliere? Quanto tempo prima prenotare? Domande ricorrenti tra chi si prepara per un viaggio in California e continua a pensarci: la California è una delle mete del turismo mondiale e anche tra i posti più semplici da vedere per cui la pianificazione del viaggio è abbastanza facile fermo restando che richiede comunque del tempo per scegliere accuratamente cosa vedere e cosa fare. Dopo innumerevoli viaggi in California e negli Stati Uniti, ho messo insieme qualche consiglio utile per tutti quelli che vogliono andare alla scoperta del Golden State e magari innamorarsene, come è capitato a me e Giuseppe.

Dove si trova la California?

La California si trova nella cosiddetta West Coast degli Stati Uniti che, per via del suo clima, è stata anche ribattezzata Golden Coast. E’ un lembo di terra abbastanza stretto e lungo con la parte meridionale molto più popolata della parte settentrionale e i confini geografici che si spingono verso il Messico a Sud (Tijuana dista pochi chilometri da San Diego) e verso l’americanissimo Oregon a Nord. Arizona e Nevada sono a “due passi” dalla California e non è un caso che molto spesso si decida di visitare Las Vegas proprio durante i viaggi in California.

Quando andare in California

Sempre, mi verrebbe da dire se stessi parlando senza un minimo di raziocinio. Però ad onor del vero, il clima della California rende questo posto l’ideale per una vacanza in qualsiasi periodo dell’anno. Per me il periodo migliore resta quello che va da novembre ad aprile perché si sta bene, il sole è caldo ma non brucia eccessivamente e il numero di turisti è limitato, specialmente dopo Natale e Capodanno. Tra l’altro i voli e gli alloggi costano anche meno da gennaio ad aprile e quindi oltre ad essere meno affollata la destinazione è anche più economica. Anzi, potrebbe, mettiamola così.

mappa california

Che documenti servono per andare in California?

Poche cose ma necessarie:

  • Un passaporto valido almeno 6 mesi dalla data di arrivo;
  • L’ESTA per entrare negli Stati Uniti che si richiede da qui (e si può rinnovare ogni 2 anni);
  • Un’assicurazione di viaggio che comprenda viaggio e anche malattia: non serve praticamente mai ma il costo è irrisorio e averla non fa male;
  • La patente internazionale se la tua non lo è  (clicca qui per maggiori informazioni)
  • La carta di credito perché se noleggi la macchina sarà obbligatoria e in molti hotel anche (il Bancomat potrebbe non essere accettato!);
  • Una lista di medicine che non puoi assumere, farmaci e alimenti a cui sei allergico/a [ovviamente tradotta in inglese eh?]

Che altro mi serve per andare in California?

Ancora, poche cose ma secondo me necessarie:

  • Una guida di viaggio cartacea che vada ad integrare le informazioni trovate online;
  • Una bottiglia da campeggio o similari da riempire con l’acqua: la California è parecchio attenta al riciclo e l’uso dell’acqua è sempre razionato per via della cronica assenza. L’acqua al supermercato costa tantissimo perché si tende a non incentivare l’uso della plastica usa e getta. Segui l’esempio e portati una bottiglia da riempire;
  • Crema solare perché quando il sole picchia, picchia forte;
  • Occhiali da sole perché quando il sole picchia, picchia forte;
  • Impermeabile e sciarpa perchè alcune zone della California non sono calde come sembrerebbe: San Francisco e il Nord della California hanno un clima completamente diverso da quello che ti immagini e vestirsi pesanti è necessario;
  • Macchina fotografica!!

Cosa non devo portarmi in California?

Poche cose ma che ti faranno risparmiare spazio in valigia (o alleggeriranno la tua mente!):

  • Le medicine che si trovano ovunque e in abbondanza (tranne se ne assumi di particolari);
  • Le scorte alimentari (davvero ci stavi pensando?);
  • Valigie pesanti (vedi sotto!).

veru california

Che tipo di viaggio?

La California, sia per via delle distanze che dei paesaggi e delle attrazioni, si presta ad un viaggio on the road che permette di personalizzare al massimo l’esperienza. On the road significa noleggiare una macchina ma anche un camper (occhio alla regolamentazione: non si parcheggia ovunque e nelle grandi città potrebbe essere difficile spostarsi!) e pianificare l’itinerario in base alle proprie necessità e anche ai propri interessi. Ricordati che le distanze si misurano in miglia, che si deve accostare immediatamente se si viene fermati dalla polizia e che bisogna rispettare i limiti e la segnaletica stradale.

Se non sei tipo/a da on the road ti consiglio i voli interni e poi i tour organizzati che ti permetteranno di muoverti da un luogo all’altro: tieni conto che le distanze sono lunghe e che si rischia di non vedere molto di quello che si dovrebbe vedere quindi anche se l’on the road non fa per te prenditi del tempo e riconsideralo perché è decisamente la cosa migliore da fare, parola di chi viaggia solo on the road! E poi, vuoi davvero perderti la Highway 1, la Highway 101 e la Route 66?

route 66

 

Con chi noleggiare la macchina e cosa bisogna sapere?

Io solitamente noleggio, in qualsiasi parte del mondo, con Hertz perché mi trovo bene sia in termini di tariffe che di servizi; negli Stati Uniti, poi, Hertz offre un parco macchine davvero vasto e tutta una serie di servizi aggiuntivi che rendono il noleggio ancora migliore. Un’altra ottima compagnia di autonoleggio è Alamo, americana al 100%, seguita da Sixty e Avis; non ho mai noleggiato con un autonoleggio locale ma non è da escludere, specie se le tariffe sono più basse a parità di servizi. Occhio a leggere sempre i contratti per evitare le cosiddette clausole capestro, quelle che possono rovinare anche il viaggio migliore.

Se vuoi girare la California sulla costa ti basterà una macchina sportiva e/o familiare, magari con il tettuccio che si apre per godere del sole californiano; se invece ti vuoi spingere oltre e visitare anche i parchi nazionali della California (Yosemite, Death Valley, Sequoia, Joshua Tree, Lake Tahoe) io ti consiglio un fuoristrada per evitare problemi specie quando è troppo caldo oppure se la stagione è fredda e c’è ancora neve.

Cerca di noleggiare un auto e riportarla con il pieno per evitare sovrapprezzi e per evitare che la mancanza di benzina incida molto sul prezzo finale; se preferisci riportarla vuota, negozia prima con l’autonoleggio in modo da non perdere soldi. Chiedi sempre l’assicurazione completa perché più ti sposti verso il Sud e più è facile trovare macchine non assicurate per cui è bene essere coperti per evitare problemi e complicazioni inutili.

Con chi volare?

Domanda a cui è decisamente difficile rispondere: con la compagnia aerea più economica e, possibilmente, quella che impiega meno tempo. La durata del volo, per me, incide moltissimo sulla scelta finale: io preferisco non fare scali e viaggiare diretta per cui spesso sacrifico il prezzo per arrivare prima. Se spezzi il viaggio però, oltre a sgranchirti le gambe, puoi anche godere di tariffe più basse. Inutile dire che prima prenoti e meglio è ma anche che più flessibile sei in termini di date e più possibilità hai di trovare voli a buon prezzo; flessibilità anche in termini di arrivi e partenze per cui se avevi pianificato di arrivare a San Francisco ma San Diego ti costa meno, rivedi il tuo piano e prenota su San Diego!

Come scelgo l’itinerario in California?

Sono possibili diversi itinerari in California che possiamo dividere in:

  • Tour della costa del Pacifico
  • Tour del Nord
  • Tour dei parchi nazionali

Questi sono a loro volta divisibili in tanti altri micro tour una volta terminate le visite principali. Il più classico in assoluto è il tour della Costa che può a sua volta essere diviso in due parti: da San Francisco a Los Angeles e da Los Angeles a San Diego. Di itinerari ne parlerò a parte raccontandoti tutti i miei, compreso l’epico San Francisco-San Diego e quello dei parchi.

yosemite

Quanto costa andare in California?

Come per tutti i viaggi, dipende: dipende dal tipo di viaggio che si vuole fare, dal tipo di viaggiatore che si è e dalle esperienze che si vogliono fare. Io per esempio non lesino mai sugli alberghi e le strutture dove dormire che vanno ad incidere molto sui viaggi che faccio e se devo scegliere scelgo sempre posti dove si mangia bene anche se si spende un pochino di più perché il cibo è quello di cui mi occupo. In California si può spendere pochissimo o tantissimo, sicuramente Los Angeles e San Francisco sono più care di tanti altri posti e trovare un posto decente dove dormire a poco prezzo può essere difficile mentre per mangiare si trova di tutto, dal pasto economicissimo e ottimo a quello costosissimo e immangiabile.

Ma come si mangia in California?

Molto molto bene e variegato: a San Francisco si trova cibo proveniente da tutto il mondo con grande predominanza di italiano, messicano e cinese mentre a Los Angeles, patria delle grandi mode enogastronomiche mondiali, la cucina è leggermente più fusion e raffinata e risente anche della vocazione modaiola del posto. San Diego è Messico e si mangia messicano meglio che in tante altre parti dell’America Latina. Ovunque si mangia in abbondanza ma, volendo, si può anche digiunare o seguire i “very relaxed” ritmi californiani che prevedono dosi abbondanti di frullati, centrifugati e insalate. Ricordati sempre che la California è lo Stato dove è nato l’healthy lifestyle e lo yoga è passato dall’essere una disciplina per pochi ad una disciplina per tutti con risvolti non solo spirituali ma anche più strettamente fitness.

cucina california

Come mi vesto per la California?

Come preferisci ma il mio consiglio, per tutti, è sempre lo stesso: non partire con troppe valigie e troppi vestiti perché puoi comprare cose in California a prezzi più bassi che in Italia! Io per esempio in ogni tappa americana torno a casa con bauli di roba Adidas, Billabong, Quicksilver senza contare lo spazio per tutti i prodotti di cucina che in Europa costano molto di più (Kitchen Aid ti dice qualcosa?). Ovviamente l’abbigliamento dipende dalle esperienze che farai: se hai in programma cene galanti o entrate in posti cool e trendy allora avrai bisogno non solo di scarpe e abbigliamento comodo ma anche di qualcosa di più elegante/formale. In generale il classico strato è perfetto tenendo sempre a portata di mano ciabatte e calzoncini corti per evitare che il tuo corpo diventi bicolore! E non dimenticare il costume che pesa poco e serve spessissimo. Ricordati che a San Francisco può fare molto freddo rispetto alle altre parti della California e il vento può essere molto fastidioso.

Che cosa mi porto dalla California?

Questa è la lista delle cose che io porto sempre a casa quando torno dalla California:

  • Almeno 1 bottiglia di vino bianco (Chardonnay della Sonoma Valley);
  • Almeno 1 bottiglia di vino rosso (Zinfandel o Cabernet Sauvignon, con preferenza per il primo che è autoctono, della Napa Valley);
  • Le prugne della California;
  • I pistacchi della California;
  • Chapstick in tutti i gusti possibili e immaginabili (sono questi);
  • Un tatuaggio (o un disegno per un tatuaggio) per viaggio (ma direi che è questione di gusti!).

Stai partendo per la California e cerchi informazioni dettagliate? Contattami via email o su Facebook e chiedimi tutto quello di cui hai bisogno!

[Tutte le foto sono di Giuseppe]